LA NUOVA SINISTRA

Un gruppo di compagni, desiderosi di restare in contatto e di scambiarsi idee.
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Da l'unità.it

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Mario
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 19.04.08
Età : 56
Località : Ostuni

MessaggioTitolo: Da l'unità.it   21/4/2008, 22:36

Sinistra Arcobaleno, Vendola: «No a capri espiatori»




Al Palacongressi di Firenze assemblea dell' associazione per la sinistra unita e plurale alla quale prendono parte, tra gli altri, Giovanni Russo Spena, Paolo Cento, Paolo Ferrero, Gennaro Migliore, Piero Sansonetti e Niki Vendola. Nella grande aula sono confluite da buona parte dell' Italia del nord e del centro circa un migliaio di persone.
Vendola: no alla resa dei conti Assemblea in piedi e un minuto di applausi per Niki Vendola, presidente della regione Puglia. È necessario «sorvegliare le parole delle prossime ore» essere «cauti» avere «amore e attenzione per questa comunità e consentirle di rialzarsi in piedi», ha esordito Vendola. «Bisogna ripartire da qui - ha detto - dall' analisi della sconfitta. E ci sono due modi: uno che è nella tradizione della peggiore storia sinistra ovvero la ricerca di capri espiatori e colpevoli». A questo, Vendola non vuole «partecipare».

«Anzi - spiega - mi iscrivo alla lista dei colpevoli perchè credo che qualunque dirigente a qualsiasi livello si debba sentire colpevole». «Io - ha proseguito - vorrei partecipare alla discussione sulle cause, bisogna sorvegliare le parole nelle prossime ore, essere cauti, avere cura e amore per questa comunità per consentirle di rialzarsi in piedi».

Il dolore, ha proseguito Vendola nel suo intervento, può essere «una lente di ingrandimento per capire di più e cominciare un altro percorso. Non è vero che chi cade può solo rialzarsi, ci sono anche quelli che si divertono a spezzarsi le gambe e questo io non lo voglio». «Nella società - ha aggiunto - c'è stato un sommovimento straordinario, un cambiamento grande rispetto al quale abbiamo strumenti analitici e strategici asfittici, desueti, poveri e ce la caviamo solo con un pò di sociologia della catastrofe. L'impressione è che il nostro discorso sia sempre un po' artificiale ed esteriore, un discorso di chi non capisce più il territorio del lavoro non per snobismo radical-chic, ma perché quei territori del lavoro hanno subito una trasformazione grande».

Forse, ha concluso Vendola, «noi dovremmo umilmente, piuttosto che parlare di precari, ascoltare i precari. Il punto non è la domanda politica e sociale di cambiamento, il punto è la nostra offerta politica che è apparsa rinsecchita, povera, un'improvvisazione elettorale. Così è apparso l'Arcobaleno». E «a chi chiedeva come è potuto accadere - ha sottolineato Vendola - bastava vedere tutti i commenti della sinistra arcobaleno dopo la disfatta. Era la controprova che la Sinistra Arcobaleno era stata materia gassosa, non c'era dietro un progetto, un convincimento, una storia, qualcosa che entrasse nell'immaginario».

«Siamo in una fase di transizione, bisogna evitare qualsiasi show down da qui al congresso che dovrà essere l'occasione di aprire il partito ai militanti e a tutto quel popolo che vuol rimettere in piedi la sinistra», ha detto Vendola a margine dell'assemblea. A chi gli ha fatto notare che se ci fosse stato lui alla guida della Sinistra arcobaleno la sconfitta non ci sarebbe stata, Vendola ha risposto di non condividere «questa specie di emozione ingenerosa, questa ingratitudine e anche ferocia che c'è nel cercare in Bertinotti e nei dirigenti della sinistra arcobaleno l'immagine di tutte le colpe. Non penso che il mio volto avrebbe risolto il problema che non è un problema di leadership ma di linguaggio».

Ferrero: non mi candido a segretario Prc Paolo Ferrero, ministro della Solidarietà sociale, ha annunciato di non essere candidato a segretario di Rifondazione comunista. «Il partito - ha detto - deve fare una discussione e decidere chi deve dirigerlo. Sono il primo responsabile di questa sconfitta e non cerco capri espiatori. Non se ne può più di campagne di stampa in questo senso». Penso che sia assolutamente necessario ripartire dalla discussione collettiva che credo vada allargata nei prossimi giorni: riaprire una discussione politica larga e non sequestrarla negli apparati ristretti». La riorganizzazione del partito «deve riguardare come si valorizzano tutte le militanze che ci sono, di come si ridiventa un punto di riferimento per la gente che soffre». «Il fatto che dentro un partito in cui si apre una discussione - ha aggiunto - ci debba essere una gestione che tenga conto di tutte le opinioni e di tutti i punti di vista è semplicemente un passaggio di democrazia».

«È evidente che abbiamo fallito al governo e nella maggioranza - ha spiegato - e abbiamo fallito perché questo governo ha riprodotto la logica dei due tempi, prima si riduce il deficit e poi si vede, ma quando c'è stato da redistribuire non l'ha fatto. Non penso che abbiamo perso perché non abbiamo avuto l'accordo col Pd, avevamo già perso prima, nell'incapacità in questi due anni di rispondere alle speranze che nel 2006 c'erano state».

Una delusione che ha pagato soprattutto la sinistra radicale: «Noi abbiamo perso più di tutti - ha aggiunto Ferrero - perché su di noi c'erano le maggiori aspettative, e la gente ci ha detto che non si capiva a cosa servivamo, e ha votato Veltroni dicendo che almeno serviva a battere Berlusconi, oppure è stata a casa dicendo che sono tutti uguali».

Se il nodo è quello dell' utilità sociale della sinistra, «penso che il problema che abbiamo davanti è come riuscire a dar corso all'azione che abbiamo cominciato, dando conto alla fortissima esigenza di unità che c'è, evitando di ripetere gli errori fatti». Così il ministro della Solidarietà sociale ed esponente del Prc Paolo Ferrero a Firenze nel suo intervento all'assemblea della sinistra unità e plurale. «La costruzione dall'alto e lottizzata tra forze politiche - ha detto Ferrero - non è un buon modo di procedere».



Ginsborg attacca i dirigenti di Prc «Dobbiamo rispondere a questa domanda: chi rappresenta ora la sinistra? Penso che ci sia un grande spazio a sinistra del Pd e se siamo umili e intelligenti possiamo, con tenacia, riempirlo. Non sono pessimista, possiamo farcerla ma dobbiamo subito risolvere i problemi di chi ci rappresenta». Lo ha detto Paul Ginsborg intellettuale e anima del movimento della Sinistra unita e plurale intervenendo all'assemblea a Firenze. «Non posso stare - ha aggiunto - in un'aggregazione politica in cui la democrazia non c'è. Dico a quegli esponenti di Rifondazione che oggi saranno al comitato nazionale che io non voglio che i nostri destini siano decisi da loro, non è possibile». Quindi, smettete di «litigare e di radicalizzare le posizioni che vi dividono. Abbiamo bisogno di Rita Borsellino, di Paolo Ferrero, di Fulvia Bandoli, di Niki Vendola e tutti insieme non vogliamo sentire che vi siete divisi».

«Oggi - ha proseguito Ginsborg - ho visto negli occhi dei dirigenti di Rifondazione il veleno della parte, del risentimento, della radicalizzazione. Bisogna in qualche modo, pur sapendo che veniamo da tante tradizioni, saper lavorare insieme. Nessuno dalla società civile vi direbbe mai: dovete sciogliervi. Dovete decidere voi, ma dovete aprire subito uno spazio di decisione nostra tutta e non possiamo aspettare».

Tortorella si sente male Momenti di paura per Aldo Tortorella, esponente storico del Pci, che è stato colto da malore subito dopo aver terminato il suo intervento. Scendendo dal palco per tornare a sedersi in platea, l'81enne Tortorella si è sentito male, ed è stato sorretto da due compagni mentre stava per cadere a terra; è stato quindi soccorso sul posto da personale sanitario, ed è tuttora sotto osservazione nei locali del Palacongressi. Secondo quanto appreso, lo storico membro della Resistenza e del Pci, ha sofferto un piccolo problema cardiaco.

Nel pomeriggio poi Tortorella è rientrato tra gli applausi e ha ripreso a seguire i lavori dell'assemblea.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://lanuovasinistra2.forumattivo.com
tina
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 22.04.08
Località : teramo

MessaggioTitolo: Re: Da l'unità.it   29/4/2008, 20:01

Ho ricevuto questa riflessione sulla situazione attuale e mi è sembrata interessante. Ve la propongo:


SINISTRA (dopo Roma): Discussione aperta a tutte/i. Stimolare l’emergere di una nuova classe dirigente per un progetto condiviso dei territori.


Non mi soffermo sull’analisi della sconfitta epocale della sinistra; non perché non ce ne sia bisogno (anzi è un obiettivo prioritario che occuperà i prossimi mesi e anni), ma perché credo che l’analisi e il progetto di ricostruzione a sinistra deve ripartire proprio dal metodo che si userà per percorrerli. Suggerisco una discussione aperta a tutti quelli che ne sono interessati: questo è infatti il primo confine da superare subito, cioè una discussione che non può rimanere chiusa dentro ciò che resta delle rappresentanze partitiche.

Il risultato della sinistra non è spiegabile se non in parte, con il bugiardo voto utile di Veltroni, e comunque non giustifica il tracollo. Il responso delle urne è impressionante.

C’è bisogno di sinistra? Direi che neanche coloro che hanno militato per decenni nella sinistra possono essere convinti con argomenti nominalistici o simbolici. C’è bisogno di risposta convincente ad una infinità di situazioni, di problemi, di domande parcellizzate e a prima vista contraddittorie che emergono dai territori e che si congiungono -questo è molto importante- a dinamiche globali.
All’aumento della parcellizzazione degli interessi e delle spinte ideali e valoriali, ci troviamo, paradossalmente, ad una semplificazione categorica e mirata del quadro politico, che oggi propone solo due varianti solo parzialmente antitetiche, più spesso contigue e comunque entrambi accessorie a ciò che, sopra di loro, comanda, letteralmente “impera” secondo la nuova dogmatica del mercato globale e delle sue dinamiche “indipendenti e naturali”.

Questa paralisi evidente del sociale e del politico rispetto all’economico, è, io penso, uno dei motivi principali del risultato elettorale italiano che, in mancanza di alternative credibili, riconosce prevalente possibilità di incidere sul quadro dato, a quei soggetti politici che lavorano ad una sorta di autodifesa verso tutto ciò che sembra mettere in discussione il posticcio e provvisorio benessere –scarso e solo materiale- a cui i 40 anni dopo il ‘68 ci hanno abituati.
Dietro la vittoria delle destre c’è cioè il sentimento del crollo incipiente, della grande crisi che si avvicina, e quindi dei nemici che si moltiplicano come in un turbine di fantasmi che attaccano il quotidiano: Cina, Immigrazione, Stato fiscale, ecc.
Ma, paradossalmente, la vittoria delle destre -completa dopo il risultato di Roma-, mostra la voglia di un ritorno in grande stile allo Stato (nazionale) visto come estremo difensore degli interessi/privilegi acquisiti negli ultimi decenni: Stato che deve difendere gli interessi dei piccoli/medi produttori, della massa di lavoratori/consumatori, della massa dei timorosi che hanno il terrore di “perdere” uno status identitario (sociale, culturale, nazionale) che in effetti non c’è –è del tutto posticcio-, ma c’è in quanto riprodotto quotidianamente ed egemonicamente da un enorme apparato di propaganda.

Se la sinistra è interessata a combattere e a vincere contro questa enorme sfera sovrastrutturale che letteralmente protegge e nasconde il nucleo del problema, alimentata da un complesso mediatico costruito ad hoc, è obbligata a fare una sua rivoluzione interna. Che consiste innanzitutto nel riconoscimento della impossibilità della semplificazione: questo vuol dire in estrema sintesi “sinistra plurale”. Cioè riconoscimento della pluralità di condizioni, di problemi e prospettive di lettura individuali e di gruppi sociali. E quindi, riconoscimento della ricchezza sociale presente che deve avere voce e pari opportunità di espressione e di uditorio.

Ovvio che le nuove classi dirigenti della sinistra non possono essere semplici somme di poche presunte entità identitarie, che nell’immaginario delle persone valgono come gli altri innumerevoli altri gruppi o lobbies che si muovono a livello sociale e a cui, proprio per ciò, non viene riconosciuta più capacità di rappresentanza. Questo significa “la Casta”.

Intanto, quindi, le future classi dirigenti, devono essere plurali e aperte ad un interno proliferare di competenze e di saperi, politici e non. Tanto aperte cioè, quanta è ampia la capacità del cosiddetto mercato, di produrre merci personalizzate che soddisfano la varietà (tutta costruita dal marketing) dei consumatori, ovvero delle “macchine desideranti” e non dei “puri soggetti razionali” che costituivano il mondo della politica nel ‘900.

Tanto aperte –per ciò che riguarda la sinistra- quanto è ampia la capacità dei singoli soggetti e persone di produrre direttamente la propria condizione di sopravvivenza e di vita (ciò che avviene spesso al di là e contro la politica).

Tutto ciò si misura nel globale (e tanti segni sono già presenti, come l’emergere dei paesi in via di sviluppo e quello di interi continenti, come l’America Latina, ben oltre una rinsecchita sinistra europea, che mostra le poche novità solo dove è in grado di andare oltre le proprie tradizioni storiche come in Germania) e si misura nel locale, ove i modelli di assetto e di sviluppo dei territori non possono essere copiati o mutuati per forza da altri modelli solo per il fatto di aggettivarsi come moderni (fatto che si è ripetuto e si continua a ripetere anche a sinistra) a discapito dell’effettiva vivibilità e di opportunità occupazionali nuove per le quali necessita però una potente capacità di progettazione e di messa in gioco di ogni variabile o fattore/soggetto produttivo. Rapporto PIL-Ambiente-Beni comuni…

Non si vede proprio alcuna necessità e interesse di continuare in una gestione del coeso tran-tran istituzional-clientelare che ha contraddistinto molti anni di azione a sinistra anche in vaste zone del Centro Italia, che, anche se ha ottenuto storicamente risultati significativi, corre oramai il rischio di essere interpretato sempre più frequentemente sotto la categoria della casta.

Ma cosa può unificare questa auspicabile pluralità di letture e di intenti che può diventare nuova classe dirigente ? C’è una semplice considerazione che ha mobilitato milioni di persone in tutto il mondo negli ultimi 10 anni (e prima): che un mondo migliore è possibile e necessario. E ciò da solo può differenziare la sinistra da tutti quelli che immaginano che questo mondo vada o mantenuto così com’è, o solo amministrato e regolato un po’ meglio. Ma l’altra condizione indispensabile è che il sistema di rappresentanza sia sempre più implementato da forme di ampia e diffusa partecipazione e confronto al di là del momento del voto.

Le enormi contraddizioni che abbiamo di fronte, il crollo del capitale finanziario e della miseria del pensiero unico neoliberista in tanti paesi dalla fine degli anni ’90 fino al 2002, ma ora anche nelle roccaforti della nuova finanza (Uk e USA), dimostrano –come al solito- che in Italia arriviamo con diversi decenni di ritardo all’appuntamento con la storia, o che, peggio, siamo un paese in cui strutturalmente convivono “la borghesia più ignorante d’Europa” come diceva Pasolini/Orson Wells ne “La ricotta”, insieme ai presupposti permanenti di regressioni razziste e fasciste causate dall’impotenza della politica nostrana e dall’incapacità di far emergere una nuova interpretazione, egemonica in quanto condivisa, della fase storica che attraversiamo.

Ed è davvero sorprendente che la nostra capacità di analisi sociale e politica, che per decenni è stata un riferimento per molti nel mondo intero, sia oggi un sbiaditissima immagine di ciò che fu. Soprattutto perché proprio ora, come già accennato, la insostenibilità delle condizioni globali comporterebbero la possibilità di un ritorno alla Politica e allo Stato da sinistra e non, viceversa, da destra, come è accaduto e sta accadendo con gli eventi dell’Aprile 2008.
Tremonti, vero cervello del nuovo governo di Berlusconi, interpreta questa straordinaria novità (fatta di neoprotezionismo e di critica allo status-quo con accenti no-global), e indica in fin dei conti, il ritorno della politica sulla scena. Una politica ed uno Stato che si intenderanno tendenzialmente autoritari, come accade in ogni situazione di crisi, poiché le condizioni straordinarie lo richiedono. Lasciamo ai volenterosi la possibilità di confrontare gli esiti che ebbe la grande crisi del 1929 nei diversi paesi e nel nostro, in particolare.

Abbiamo parlato di Sinistra, ma pare più che ovvio che queste riflessioni riguardino in tutto e per tutto quella debole entità, nata post-matura, che si chiama Partito Democratico, almeno quella parte di classe dirigente di questo partito più attenta alla concretezza delle questioni che alle alchimie costituzionali o di semplificazione del quadro della rappresentanza: il quale potrebbe ulteriormente semplificarsi anche in direzioni non gradite…

C’è quindi molto da capire e da ri-studiare. C’è molto da lavorare, insieme. E’ del tutto chiaro che a questa discussione debbano partecipare tutti, compresi coloro che sono stati bocciati dal risultato elettorale nella loro qualità di dirigenti. Ma essi non hanno titolo adeguato per dirigerla, o orientarla.

La scarsa abitudine e volontà di coltivare le migliori piante, fa sì che il territorio venga talvolta colonizzato dall’erba gramigna, o, se dice male, diventa un deserto.
Per questo la varietà, la libera relazione e il confronto tra le “macchine desideranti” è uno dei beni comuni principali. Da tutelare e da coltivare. Siccome c’è solo un anno per la prima raccolta utile, la nuova semina deve cominciare subito.


Rodolfo Ricci
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Da l'unità.it
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LA NUOVA SINISTRA :: SPUNTI E RIFLESSIONI PER UNA NUOVA SINISTRA :: Discussioni di sinistra in libertà-
Andare verso: